Amore e altri rimedi – Love and other drugs

love-and-other-drugs-photo-2

Quello che desideri di più al mondo a volte non succede, a volte succede quello che non ti saresti mai aspettato…incontri migliaia di persone e nessuna ti colpisce veramente e poi incontri una persona e la tua vita cambia, per sempre. – Jamie

Sometimes the things you want the most don’t happen and what you least expect happens. I don’t   know… you meet thousands of people and none of them really touch you. And then you meet one person and your life is changed forever. – Jamie

Annunci

Film a confronto: One Day VS. Scrivimi Ancora

 One_dayOne Day, film del 2011 con Anne Hathaway e Jim Sturgess, racconta la storia di Emma Morley e Dexter Mayhew. Dopo una giornata trascorsa assieme (il 15 luglio 1988 giorno della loro laurea) iniziano un’amicizia destinata a durare tutta la vita. Lei è una è una ragazza con la testa sulle spalle piena di ambizioni, lui è un ragazzo ricco e affascinante che vede la vita come un eterno parco giochi. Nel corso dei successivi vent’anni, il 15 luglio di ogni anno, i due vivranno momenti cruciali del loro rapporto, che li porterà a crescere, a soffrire, a lasciarsi per poi riprendersi…. fino ad arrivare ad un finale inaspettato.

il-poster-ufficiale-di-scrivimiancoraScrivimi Ancora, film del 2014 con Lily Collins e Sam Claflin, è la storia di Rosie e Alex, due amici di infanzia che sognano di lasciare Dublino per partire alla volta dell’America. Ma il destino ha in serbo per loro un futuro diverso: sarà solo Alex infatti a realizzare il sogno di una vita altrove, mentre Rosie si ritroverà a fare i conti con una dura realtà. I due riusciranno comunque a tenere vivo il loro rapporto, resistendo anche al destino che li avvicina per poi allontanarli di nuovo… Ma si può prendere in mano la propria vita e cambiare un futuro che sembra già scritto?

Due storie simili, riuscita diversa, dove ad essere fondamentale è la gestione del “tempo” ed ora vi spiegherò cosa intendo… Nel primo film vediamo una data, più precisamente il 15 Luglio, a fare da filo conduttore della storia e che guiderà lo spettatore per tutta la durata del racconto. Nell’altro invece, vediamo una serie di eventi presentati senza nessuna logica temporale.

A volte diamo per certo che da una bella storia nasca un buon film, iniziamo a vederlo pieni di aspettative per poi rimanerne delusi. Non conta solo avere del buon materiale, ma saperlo gestire al meglio e il più delle volte migliore è il prodotto da cui si parte, più ardua sarà l’impresa di realizzare un prodotto di pari livello. E a mio avviso il team che ha lavorato a “Scrivimi Ancora” ha fallito. A molti dettagli significativi presenti nel libro omonimo di Cecilia Ahern da cui è stato tratto il film , sono stati affiancati elementi meno rilevanti che hanno contribuito ad una resa confusionaria e banalizzata delle vicende dei protagonisti, facendo apparire il tutto come un comune susseguirsi di eventi, spesso prevedibili, raccontati senza criterio per giungere ad un finale scontato.

Tutt’altra storia quella di One Day dove sono state fatte delle scelte: una data precisa che fa da filo conduttore, una selezione di eventi principali contornati da piccoli accenni a elementi secondari, un focus quasi totale sui due protagonisti, evitando di aggiungere alla storia vicende di personaggi secondari. Una serie di eventi significativi che accompagnano lo spettatore verso un finale tutto da scoprire.

Mi sono chiesta se la mia delusione dopo aver visto “Scrivimi Ancora” fosse dovuta al fatto di essere influenzata dal libro precedentemente letto, così ho sentito il parere delle mie amiche e la sensazione è stata la stessa: un film pubblicizzato benissimo grazie ad un trailer coinvolgente, che al momento dei titoli di coda lascia un po’ d’amaro in bocca.

E voi cosa ne pensate?

Vi lascio con i due trailer

Al prossimo film,

E.

“Amore e altri rimedi” secondo me

Amore e altri rimedi (in originale “Love & Other Drugs”) è la storia di Maggie, Jamie e della vita reale.

 Maggie, affetta da morbo di Parkinson, fugge dalle emozioni, dalle persone. Fugge credendosi forte, perché vuole farcela da sola, perché non vuole che il suo dolore diventi il dolore di qualcun altro. Fugge dall’amore. Poi c’e Jamie, che l’amore non lo conosce pr47968oprio. Tra Jamie e Maggie tutto comincia dal sesso. Non sanno nulla l’uno dell’altro, se non i loro nomi, eppure c’è un’attrazione tanto forte che li spinge a vedersi in maniera sempre più assidua. Oltre a condividere del buon sesso, iniziano a scoprirsi, a raccontarsi, a legarsi, a innamorarsi. Da qui vivono un amore straordinario per quanto ordinario. Frasi d’amore, gesti eclatanti e un romanticismo visto e rivisto lasciano spazio ad una storia fatta di semplicità, di sorrisi, di lacrime, di problemi; dove insieme ai due protagonisti ci sono la malattia di Maggie e la vita fatta di insicurezze e successi mancati di Jamie. Una storia umana insomma, in cui ci si può immedesimare. Ed è proprio l’aspetto reale della loro relazione che rende speciale il film. Il classico amore perfetto, da cinema hollywoodiano viene sostituito da quella che potrebbe essere una storia come tante. Un ragazzo ed una ragazza che, come molti al giorno d’oggi, cominciano dal sesso, dove in molti film invece rappresenta un romantico finale ormai poco credibile e scontato. Una donna che spiazza tutti per il cinismo dietro il quale si nasconde, un uomo che è lontano anni luce dal classico standard del principe azzurro. Due personaggi così imperfetti da diventare persone alla pari dello spettatore.amore-e-altri-rimedi-anne-hathaway-jake-gyllenhaal-foto-dal-film-6_mid

A volte più riusciamo a calarci nel ruolo degli attori, più ci sentiamo coinvolti, tanto da entrare nello schermo ed emozionarci come se fossimo noi a prendere parte alla storia. Questo è quello che mi è successo la prima volta che ho visto il film, e la seconda, e la terza… e chissà quante altre volte ancora mi succederà. Forse perché è una storia credibile dall’inizio alla fine, una di quelle in cui non dici “solo nei film succedono ‘ste cose”, o forse perché ormai il “vissero felici e contenti” è così scontato da diventare banale…

Come avrete potuto notare, sono troppo di parte per fare una vera e propria recensione… anche impegnandomi ci metterei comunque del personale! E voi l’avete visto? Cosa ne pensate?

Al prossimo film,

E.

“Quello che desideri di più al mondo a volte non succede, a volte succede quello che non ti saresti mai aspettato. […] Non solo, incontri migliaia di persone e nessuna ti colpisce veramente e poi incontri una persona e la tua vita cambia, per sempre.” – Jamie